Al momento stai visualizzando

Il Raglio dell’Asino

L’asinello originariamente associato alla paziente umiltà, nel tempo è divenuto   simbolo di ignoranza.

A dispetto del fatto che il suo nome venga spesso abbinato a persone poco sveglie,  ignoranti,   ed   incapaci   l’asino è un animale intelligente e collaborativo. 

Un mondo complesso, quello asinino oltre che  variegato per razze e latitudini. 

 Ci sono gli asini ragusani, sardi, panteschi. L’asino toscano il cosidetto amiatino, manto grigio chiaro con linee nere a forma di croce  sulla groppa, è stato immortalato da Giotto nella Cappella degli Scrovegni a Padova.

Ci sono anche quelli extracomunitari.  Insomma gli asini sono di tutti i tipi e, abitano   tutto il mondo.

Bisogna   lasciarsi commuovere dal raglio di un asino pantesco piuttosto che di un sardo, di un americano o,  da qualunque altra parte del mondo venga, perché  oggi quel raglio è un lamento, un grido di disperazione e di sofferenza.

Non vuole  essere accomunato agli  uomini che credono di conoscere e pretendono di insegnare, con menti di argilla prive di  un solido sapere, incapaci di  ascoltare e di tacere.

Da bocche insospettibili  escono dei terribili ragli capaci di straziare le carni ed impastare la polvere   col pianto raccolto ai lati delle strade.

Ma l’asino, benchè addolorato, non  fa una piega  intelligente com’è,  malgrado le  cattiverie e le dicerie ricevute in passato,  paziente aspetta per poi procedere,   avanti piano, col basto carico dei tempi.

A differenza degli uomini che  sono rimasti indietro sigillando con l’ignoranza la loro inettitudine.

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Silvia

    ….perchè lei è così…arriva con i suoi innocui asinelli, con la punta dei piedi fasciati di ovatta e poi ti lascia addosso le carni straziate ed impastate di polvere col pianto….
    L’ autore del “Raglio dell’ asino” elegantemente e con forza spietata alla fine, emoziona.

  2. Fabio barbarino

    Nell’ultimo capoverso si concentra il senso amaro ma reale di un articolo breve ma che fa pensare a lungo…
    Complimenti

Lascia un commento